Seo e web marketing

Intervista: un #tweetsolidale per la ricerca contro il cancro

Intervista: un #tweetsolidale per la ricerca contro il cancro

Social networks, fundraising e campaigning possono camminare insieme con l’obiettivo di sostenere le cause del nonprofit. Lo sappiamo fin troppo bene, ormai. Vi proponiamo perciò un’intervista a Enrico Senes, Responsabile Fundraising e Comunicazione della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro (FPRC), al quale abbiamo chiesto, tra le altre cose, di raccontare ai lettori del BaleiaBlog l’interessante esperienza del #tweetsolidale in atto proprio in questi giorni. Buona lettura!

Leggi ora!

Perché fare un blog nel Non profit? Ecco 16 buone ragioni

Perché fare un blog nel Non profit? Ecco 16 buone ragioni

Un paio di giorni fa pensavo: “Perché le organizzazioni non profit dovrebbero avere un blog?”. All’inizio mi è sembrata una domanda banale ma pensandoci bene non lo è affatto e ho deciso di dedicare un post alla questione. Del resto gli stessi responsabili delle organizzazioni non profit con cui quotidianamente ho a che fare mi guardano con aria interrogativa quando gli propongo l’apertura di un blog. Tuttavia il tema dei blog non profit non è banale per due semplici motivi. Il primo è che la grande maggioranza delle organizzazioni non profit in Italia non ha un blog. E questo è vero soprattutto per le piccole e medie organizzazioni (quindi la quasi totalità), quelle più radicate sul territorio e meno attive nell’etere. Da un lato ci sono poche risorse a disposizione; dall’altro manca il capitale umano per stimolare l’innovazione; infine, credo che l’investimento nella comunicazione e nel marketing sociale non sia ancora un elemento strutturale della cultura del non profit italiano. Il secondo motivo è che il blog resta lo strumento di comunicazione e networking più potente che si possa trovare in rete nonostante nascita e diffusione dei social networks. Al contrario, i social media hanno dato vigore e nuova estensione

Leggi ora!

Perché la popularity di alcuni articoli Web non cala nel tempo?

Un sito ben organizzato sarà un sito capace di attrarre più visite. Molti professionisti SEO lo sanno bene e sanno che i motori di ricerca (e in primo luogo Google) percepiscono positivamente la distanza di una pagina Web dalla pagina index del sito. Ma i motori di ricerca non sono tutto. O meglio: i motori di ricerca basano gli algoritmi che permettono di produrre le SERP, le pagine contenenti i risultati delle ricerche fatte dagli utenti, sull’esperienza umana. Questi algoritmi (di cui il più famoso è senza ombra di dubbio il Google Pagerank) sono elaborati tenendo in considerazione numerosi elementi. L’organizzazione del sito, la sua struttura e l’equilibrio tra le sue diverse sezioni sono solo un aspetto dell’intrigata rete di variabili che un SEO deve considerare. Ma è un aspetto assai delicato, che è ispirato dal comportamento delle persone davanti ad un sito: a seconda di come è organizzata la struttura del sito possono variare il traffico, la frequenza delle visite e, di conseguenza, la percentuale dei visitatori “nuovi” e “di ritorno” del sito stesso.

Leggi ora!