blog

Siti web: il vuoto da colmare con la qualità

La rete è sempre più intasata da contenuti di scarsa qualità, ripetitivi, ridondanti e a volte addirittura copiati. Siti web con informazioni di bassissimo livello e aggregatori di notizie invadono lo spazio della navigazione e ostacolano una fruizione sana della rete. La necessità di emergere e di far prevalere l’originalità della propria offerta è dal nostro punto di vista (ma soprattutto da quello di Google) quanto mai importante. Siamo sempre là: per chi lavora con internet le cose più importante sono sempre la qualità dei contenuti e l’innovazione dell’offerta informativa. Dai primordi di internet i siti sono cambiati molto: si è passati all’uso di nuovi linguaggi e strumenti, all’aumento delle interazioni tra piattaforma e utente e all’integrazione tra nuove forme di comunicazione. Mai come ora la rete somiglia veramente ad una rete in cui con pochi passi si può passare da uno snodo all’altro. Eppure, al centro di tutto resta sempre l’informazione. Possono cambiare le modalità della fruizione, il modo in cui essa è presentata, la densità del messaggio, ma non può esservi uno scambio tra piattaforma web e utente senza che al centro vi sia un’informazione di qualità, un contenuto che colmi un vuoto di conoscenza, un dettaglio che

Leggi ora!

Piattaforme e-learning per il non profit

I corsi di formazione a distanza sono un’opportunità importante per le organizzazioni non profit. Basti pensare che con una piattaforma di e-learning si possono realizzare intere attività nell’ambito di un progetto di cooperazione, si possono avviare percorsi formativi interni per i propri operatori e si può addirittura aggiungere un tassello importante a una strategia di fundraising. Per questo vale la pena approfondire la conoscenza di alcuni strumenti utili e gratuiti, che possono aiutare le realtà del terzo settore che desiderino intraprendere progetti di formazione. Implementare tali tecnologie non è complicato e Baleia può anche guidare nel loro utilizzo.

Leggi ora!

Riparare l’MBR

Che cosa è L’MBR Il Master Boot Record (MBR) viene creato ogni qual volta si crea la prima partizione sull’hard disk. Questo contiene la Tabella delle Partizioni del disco e un piccolo spazio dedicato all’esecuzione del codice per il boot start. Ovvero il codice necessario a far partire il sistema operativo in genere. All’MBR è sempre dedicato il primo settore dell’Hard Disk. I primi 446 (0x1BE) bytes sono dell’MBR, gli altri 64 bytes sono dedicati alla Tabella delle Partizioni e gli ultimi 2 (0x55AA) bytes vengono usati per la “signature word” del settore.

Leggi ora!