Comunicazione sociale

Crowdsourcing: una modalità di progettazione per il non profit

Crowdsourcing: elevata qualità del lavoro a basso costo. Questo è il risultato che il crowdsourcing può garantire alle organizzazioni non profit che desiderano risparmiare denaro, mentre svolgono la loro missione. Per “crowdsourcing” si intende la pratica di valorizzare le competenze e l’entusiasmo dei sostenitori di un’organizzazione, che sono disposti a contribuire volontariamente, con il loro tempo e le loro capacità, a risolvere i problemi dell’organizzazione stessa. La collaborazione avviene gratuitamente o a pagamento. Si tratta di un modo per esternalizzare alcune tappe della propria azione in campo sociale, utilizzando a pieno le risorse intellettuali di chi condivide i valori dell’organizzazione non profit. Allo stesso tempo, il crowdsourcing è un modo per chi propone la propria idea di sentirsi realizzato, di mettersi in mostra o di ricavare un piccolo guadagno. Il crowdsourcing può essere utilizzato per raccogliere informazioni, chiedere consigli, risparmiare soldi o ottenere progetti. Può anche aiutare a prendere decisioni, aumentare la partecipazione e riempire di significato i contatti on line.

Leggi ora!

Volontari on line: arriva Mediacause.org

Far incontrare organizzazioni non profit e volontari on line. È l’obiettivo di Mediacause.org il nuovo sito che si propone di rafforzare i volontari per promuovere il non profit con strumenti di web marketing. Il sito, molto diretto e semplice nell’utilizzo, è articolato in due parti principali: una prima dedicata alle organizzazioni che hanno bisogno di sostenitori tramite Internet e una seconda dedicata a chi vuole mettere a disposizione il proprio tempo a sostegno di una causa o di un’organizzazione con azioni di micro-volontariato on line e solidarietà.

Leggi ora!

Firma nell’email: un’occasione di branding

La firma email alla fine del testo delle comunicazioni che inviamo ai nostri interlocutori contiene, in genere, molte informazioni di contatto. Si tratta di un vero e proprio biglietto da visita elettronico che spediamo in forma digitale ogni volta che dialoghiamo con qualcuno a nome della nostra organizzazione. Come ogni biglietto da visita che si rispetti, la firma dell’email può anche apportare dei benefici in termini di branding dell’organizzazione non profit. Per questo creare firme email autorevoli è fondamentale. Vi proponiamo un paio di suggerimenti per migliorare l’efficacia della firma email in termini di branding e comunicazione della vostra organizzazione o della vostra causa.

Leggi ora!